Welcome to the World of Pascal

Ask your log-in to access the gallery
of your specific session or point of interest
ONLY FOR PROFESSIONALS

The 'World' section is temporarily offline

Member Login

Lost your password?

Not a member yet? Sign Up!

NUDES > THE STORIES PROJECT > LI¨


...Liù...         


9 May 2010

Liù lives, breaths, smiles … throws her ball on the field, against the walls, on the streets, against the wind, into the unknown... Liù is a little girl but she already waits for the sunset, she observes it and dreams... then she turns around to continue playing…… She has a friend … her ball.

Liù is happy, free from worries, she wants to grow up, learn and always play … She is ten years old, she plays, smiles… then eleven, twelve, thirteen, she meets her first love, she nurishes herself from the new discoveries, new emotions that life unfolds, she plays and smiles… She becomes fourteen, fifteen, sixteen, she still looks at the sunset, dreams and continues playing … she turns seventeen, eighteen … She wants to grow by herself.

She is nineteen now, Liù, and is still growing … Her first love has left her heart with trust and hope and has left nice memories …But now Liù is twenty years old and learns the other side of love, another man… … she doesn't play anymore, she doesn't smile anymore, she still grows, learns the taste of her tears. She isn't happy anymore, Liù has lost something, she doesn't know what … she starts searching … She is twenty one, alone on new roads, new homes, new words, thoughts, previously unknown sensations… excessive sensations.

But she has lost something very important. Liù doesn't play anymore, she is serious now and continues to search … together with a new pain she cannot explain. Liù grows, works, travels, always looking for something, with only her tears as her companion and the love of her family far away. Liù is running away, but she doesn't realise it … she searches … a thousand ways to love, a thousand forms of love … man as her enemy … and her tears are not good company,  Liù observes new worlds, strange eyes, unsuspected pains, heavy hearts, poor souls and others, too strong or tormented … 

She has grown up, Liù, but she is lonely, she searches something … Only the daylight smiles at her, she thanks the sun … she wants to flee, as she does so often in search of what she has lost … Liù is twenty two, she writes, searches something … she writes about an enemy man but she would have wanted not to do so … she didn't suspect the other side of love, her illusion is always true, but the truth too false.

Liù wishes now not to think, to forget, she often closes her eyes, dreams of opening them again in another place, in a strong heart, in a more healthy thought … in a less hostile reality, not in her own illusion … She turns twenty three, she is lonely on her party in her tired soul, she cannot smile, nor play, she is tired of travelling, heart, body and soul, she doesn't know where to look anymore and closes her eyes … she wants to feel the affection of her dears. The night fades away flees with hesitation and she renews herself as a child … 

Now the regret of having become adult, the refusal of paying the price of experience … She is tired, persists her search, she doesn't surrender but at night she can finally close her eyes, regularly she wants it to be night while the sun outside splashes … but in her darkness Liù can dream and continue to search. She doesn't accept her tears nor those of her dear, tries to open her eyes and not to surrender … her shield art, poetry, love and she decides firmly to rediscover one day her infinite green garden, in which she can run lively, laugh, play … and some days she seems to feel it … there under her feet, she can see it but her legs remain immobile ……

Liù cannot run anymore, her soul and slow heart beat don't help her, her heart doesn't find its pace. And her garden is there, under her feet, so close by but to her it seems so difficult to run … always in company of a tear and so much love for life, she waits to succeed but it's complicated … she has lost something, the steps backwards are difficult as it is difficult to understand or even be aware of the reality as she hides it from herself in the first place …Liù fools herself, and lies to her inner world … her own body … her mask. Now she learns the big lie she shows to herself, to her 'dears', to her pride …

The moment has come for her to see the truth, to pronounce it to her inner world, running … on an endless green garden … naked. Deprived from her cloths, from her mask, only she, pure, her soul nude in front of the truth … And there in her garden Liù starts moving, slowly, with shame, she lets herself cuddle by the air that brushes against her body, naked … She can feel so much love and it's then that she meets a man … he is a stranger for her … this man is not her enemy. Liù is naked in front of him, but not she, not her body … only Liù's soul.

Now she walks there in the garden besides a man … her friend … and she can remember the time in which she could run, smile, play…She is happy Liù, her soul free, she shows her heart to this man and now he offers her a gift : …… saying : “for you, who needs to go back to play, for the little girl you have always been and will always be … here is the only thing you have lost and have looked for in vain on all the places, within the people and within wrong thoughts, what you have lost inside yourself and what only because being naked you have made it possible to me to find again … and now I give it back to you, it's yours … your ball …. and now go out and run!”                                                                                                                                            
… to Pascal, my inspiration …


                                                                                                                                            09 Maggio 2010

…Liù…        Top

Liù vive, respira, sorride … lancia la sua palla nel campo, sui muri, per le strade, nel vento, verso l’ignoto …Liù è una piccola bambina ma già si trattiene al tramonto, lo osserva e sogna … poi torna a giocare …… ha già un’amica … la sua palla.

Liù è felice, spensierata, ha voglia di crescere, imparare,e sempre giocare …Ha dieci anni, gioca , sorride … poi undici, dodici, tredici, apprende il suo primo amore, si nutre delle scoperte, delle nuove emozioni che la vita gli svela, gioca, sorride … ha quattordici anni, quindici, sedici, si trattiene sempre al tramonto, sogna e poi torna a giocare … ha diciassette anni, diciotto … ha voglia di crescere sola.

Ha diciannove anni adesso Liù, sta crescendo … il suo primo amore le ha nutrito il cuore di fiducia e speranza e lasciato buoni ricordi …Ora però Liù ha vent’anni, apprende l’altra faccia dell’amore, un altro uomo … … non gioca più , non sorride più, sta crescendo, apprende il sapore delle sue lacrime.Non è più felice Liù ha perduto qualcosa, non sa cosa … inizia a cercare …Ha ventuno anni, sola su nuove strade, nuove case, parole, pensieri sconosciute sensazioni … eccessive sensazioni.

Ma ha perduto una cosa, molto importante.Liù non gioca più adesso fa sul serio e persevera alla ricerca … insieme ad un dolore nuovo che non sa spiegare.Liù cresce, lavora,viaggia, alla ricerca sempre di un qualcosa, solo le sue lacrime a tenerle compagnia e l’amore della sua famiglia lontana.Liù sta fuggendo ma non si rende conto … e cerca … mille modi di amare, mille forme di amore … l’uomo il suo nemico … e le sue lacrime non sono una buona compagnia, Liù osserva mondi nuovi, occhi strani, dolori insospettabili, cuori saturi, anime povere e altre, troppo vive, tormentate … 

È cresciuta Liù ma è sola, cerca qualcosa … Solo gli sorride il giorno, ringrazia il sole … desidera fuggire, come sovente lei fa in cerca di ciò che ha perduto … Liù ha ventidue anni, scrive, cerca qualcosa … scrive di un uomo nemico ma non avrebbe voluto … non sospettava l’’altra faccia dell’amore, è sempre vera la sua illusione ma è troppo falsa la verità.

Liù desidera non pensare adesso, dimenticare, chiude gli occhi spesso, sogna di riaprirli in un luogo diverso, in un cuore forte, in un pensiero più sano … in una realtà meno ostile, non nella sua unica illusione …Ha ventitre anni, alla sua festa è sola nell’anima stanca, non può sorridere, ne giocare, stanca di viaggiare, cuore, corpo e mente, non sa più dove guardare e chiude gli occhi … vuole sentire l’affetto dei suoi cari. La notte fugge con riserbo e si rinnova bambina … 

Ora il rammarico dell’esser diventata adulta, rifiuta di pagare il prezzo dell’esperienza …È stanca, persevera alla ricerca, non si arrende ma la notte finalmente può chiudere gli occhi,ogni qualvolta lei voglia che sia notte anche mentre fuori il sole splende … ma nel suo buio Liù può sognare e continuare a cercare.Non accetta le sue lacrime ne quelle dei suoi cari, tenta aprire gli occhi e non arrendersi … il suo scudo l’arte, la poesia, l’amore e decide con fermezza un giorno di voler ritrovare il suo infinito prato verde, su cui poter correre veloce, ridere, giocare … e a giorni gli sembra di sentirlo … li sotto i suoi piedi, può vederlo ma le sue gambe sono immobili ……

Liù non sa più correre, la sua anima e il suo battito lento non l’aiutano, il suo cuore non trova il ritmo.E il suo prato è li, sotto i suoi piedi, così vicino ma a lei sembra così difficile correre … sempre in compagnia di una lacrima e di tanto amore per la vita, aspetta di riuscirci ma è complicato … ha perduto qualcosa, i passi indietro sono difficili com’è difficile comprendere e accorgersi della realtà se la si nasconde prima di tutto a se stessi …Liù si inganna, e mente al mondo intero … il suo corpo … la sua maschera.Ora lei apprende la grande bugia che mostra a se stessa, ai suoi cari, al suo orgoglio …

È arrivato il momento per lei di mostrare la verità, dichiararla al mondo intero, correndo … su un infinito prato verde … nuda.Priva delle sue vesti, della sua maschera, soltanto lei, pura,la sua anima nuda al cospetto della verità … E li su quel prato Liù si incammina, adagio, con pudore, si lascia coccolare dall’aria che sfiora il suo corpo, nudo … Può sentire tanto amore ed è allora che incontra un uomo … è per lei strano … quest’ uomo non è il suo nemico .Liù nuda dinanzi a lui, ma non lei, non il suo corpo … soltanto l’anima di Liù.

Ora cammina li su quel prato accanto ad un uomo … suo amico … e può ricordare un tempo in cui sapeva correre, ridere, giocare …È felice Liù, libera l’anima, mostra il suo cuore a quell’ uomo e adesso lui le porge un dono : …… dicendo : “per te, che hai bisogno di tornare a giocare, per la bambina che sei sempre stata e per sempre sarai … eccoti la sola cosa che hai perso e cercato invano nei luoghi, nella gente e nei pensieri sbagliati, ciò che hai perduto ma dentro te stessa e che soltanto nuda hai permesso a me di ritrovare … ed io ti restituisco, è tua … la tua palla …. adesso corri!”                                                                                                                                             … A pascal, la mia ispirazione …



Pascal... ho un sentimento anch'io..di tristezza, non vorrei che tu andassi via... che cosa meravigliosa mi è successa con te, conoscerti ... un regalo bellissimo... ieri a casa mi sentivo tanto felice e malinconica nello stesso tempo, non smetto di pensare..... sei un SOLLIEVO PER LA MIA ANIMA... e vorrei perdermi...
... sto pensando molto a cosa farti leggere, voglio scrivere qualcosa, posso parlare di un fotografo nella mia storia?...o vuoi che sia solo io?....
mi piacerebbe rivederti prima di partire e guardare le foto, vorrei averle anch'io...ma sarà possibile?...
...non mi dimenticare,mai... per favore..
con sentimento Italia.